martedì 16 dicembre 2014

Servizio ritiro pacchi e spedizione a MSG


Arrivano i Lupetti a Rogoredo/Santa Giulia

ringrazio Lorenzo Casella per la segnalazione ;-) commenti e ulteriori informazioni sul gruppo Facebook "Santa Giulia è"

lunedì 15 dicembre 2014

sabato 13 dicembre 2014

inaugurazione chiosco eventi CQMSG

Sabato 13 Dicembre alle ore 15,30 nel chiosco del Parco Trapezio sará inaugurato lo Spazio Eventi del Comitato di Quartiere Milano Santa Giulia. Per maggiori dettagli:  www.cqmsg.it/eventi.aspx

giovedì 11 dicembre 2014

Ex Chimici andamento lavori e ristrutturazione


Nel 2011 IL CQMSG aveva effettuato delle proposte per l'area Ex-Chimici
( http://rogoredosg.blogspot.it/2011/06/ ) oggi in queste condizioni.
Segnalazione arrivata dal gruppo Facebook "Santa Giulia è"

Situazione al 11 Dicembre 2014
Si può notare grazie a Google Maps le migliorie e differenze di queste anni partendo dal 2008
Settembre 2008
Settembre 2010
Maggio 2012
Maggio 2014
Giugno 2014

Stampa : Ecco i processi ambientali a rischio

http://www.linkiesta.it/processi-ambientali-prescritti

PROCESSO A RISCHIO PRESCRIZIONE
"..Bonifica Santa Giulia. Nell’ottobre del 2009 la Guardia di finanza esegue cinque ordinanze di custodia cautelare nell’ambito dell’inchiesta sulla bonifica dell’area Santa Giulia (area ex Montedison e Redaelli), nella periferia est di Milano. Nel maggio del 2013 vengono rinviati a giudizio l’immobiliarista Luigi Zunino, l’ex dirigente dell’Ufficio bonifiche del Comune di Milano, l’allora responsabile dell’Ufficio milanese dell’Arpa e altre sette persone. La contestazione più grave, però, quella di aver avvelenato le falde acquifere decade per decisione del gup di Milano.
I dieci imputati, infatti, sono rinviati a giudizio per tre capi di imputazione: l’attività di gestione rifiuti non autorizzata con particolare riferimento a raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti; la creazione di una discarica non autorizzata; l’attività non consentita di miscelazione di rifiuti.
Tutti reati ambientali contravvenzionali, che sarebbero stati commessi in un periodo che va dal 2004 al 2010 e che oggi rischiano di essere prescritti. .."

mercoledì 10 dicembre 2014

Stella di Natale

Come segnalato nei post precedenti ecco la stella di Natale in Promenade

Il giorno prima che apra il chiosco nel Parco Trapezio


martedì 9 dicembre 2014

Nuovi quartieri, lo stallo di Milano

http://www.repubblica.it/economia/

"-Milano. D ovevano spuntare come funghi, uno dietro l’altro, per cambiare lo skyline di Milano. Invece tra fallimenti, cambi di controllo e sciagure immobiliari, la crescita dei grattacieli e dei nuovi quartieri milanesi è stata più lenta del previsto con le banche che si sono trovate in mano non poche patate bollenti da gestire. ..."
"...In mano alle banche, invece, è finito il destino dell’area di Santa Giulia: la società
titolare dell’appalto, la Risanamento spa, già controllata da Corrado Zunino, ha avviato un accordo di ristrutturazione dei debiti e sta da tempo trattando con gli istituti di credito la loro disponibilità a finanziare il piano di sviluppo del quartiere."
"È qui che serve un cambio di passo: sono situazioni di crisi dove mancano le risorse finanziarie per andare avanti, ma che potrebbero diventare un’occasione per i fondi immobiliari di investimento, ricchi di liquidità e in grado di svolgere un ruolo di sviluppo al fianco delle banche. «Qualche anno fa hanno iniziato a formarsi dei fondi che investivano in maniera generica. Si investiva in immobili provenienti da procedure concorsuali o da crediti incagliati di natura immobiliare. Altre volte si univa la possibilità di acquistare immobili in asta», spiega Andrea Cornetti, capo del business development di Prelios Sgr. «Ma — continua — non hanno avuto un gran successo perché erano troppo generalisti. Servono fondi più specializzati con una mappatura in termini di durata e di rendimento: ad esempio si possono creare fondi che investono in cantieri non realizzati per ridurre il debito delle banche, altri per gli immobili in asta, altri ancora per aiutare i commissari a risolvere le procedure concorsuali». Da qualunque punto si guardi la materia, un ruolo di primaria importanza è svolto dalle banche. «Devono essere coinvolte e aver la volontà di raggiungere l’obiettivo », sostiene Cornetti. Come nel caso degli incagli, i fondi aiuterebbero gli istituti di credito a decongestionare i bilanci. «Spesso l’istituto di credito finanzia il cantiere senza seguirne lo sviluppo», sostiene Jacopo Gerosa, responsabile commerciale e tecnico di Arc Res, la società di asset management che ha appena avviato un fondo per acquisire cantieri immobiliari incagliati. «I fondi — aggiunge Gerosa — possono rilevare il cantiere, chiedere la ristrutturazione del credito e infine vendere l’immobile, portando a compimento il ciclo naturale del cantiere ». Dando così fiato alle imprese e alle banche stesse. I tassi della Bce ai minimi, e di conseguenza quelli dei mutui delle banche alle famiglie, aiutano la risalita del mercato immobiliare"

venerdì 5 dicembre 2014

Nuova MSG nel 2022 ?

http://www.corriere.it/economia/finanza_e_risparmio

"...dopo una lunghissima serie di traversie anche giudiziarie, Risanamento ha ripreso i lavori a Santa Giulia, anche se la grandeur, con gli interventi di archistar, del progetto originario appare ridimensionata. Il progetto prevede la costruzione di 2 mila appartamenti, un parco urbano, alberghi, uffici, spazi commerciali e servizi pubblici. Sono previsti inoltre 52.500 metri quadrati di residenze temporanee. L’ultimazione avverrà non prima del 2022..."

 

 

giovedì 27 novembre 2014

La Storia di MSG

http://notizie.tiscali.it/ultimora/feeds/14/11/27/t_74_20141127_1145_news_milano-santa-giulia-storia-progetto-riqualificazione-foto.html?ultimora

Milano Santa Giulia, la storia del progetto di riqualificazione.

 MILANO, 27 Nov. (Fps Media) – Doveva essere il quartiere del futuro: connesso, verde, a misura d'uomo. E, invece, si è trasformato in una periferia fantasma. Milano Santa Giulia si trova nella Zona 4 di Milano, a Sud-Est della città, nei pressi della stazione ferroviaria di Milano Rogoredo.
Un'area di oltre un milione di metri quadrati, che prima ospitava due aree industriali – quella della Montedison e quella delle acciaierie Redaelli – e che è stata interessata da un investimento di circa 2,8 miliardi di euro.
Il progetto iniziale di riconversione, scritto dall'architetto Norman Foster, prevedeva anche la realizzazione di un Centro Congressi, una chiesa, un cinema multisala, spazi commerciali e residenze di qualità. Più a Sud dovevano nascere residenze in edilizia convenzionata e libera, scuole per l'infanzia, hotel e altri spazi commerciali. Un parco in mezzo avrebbe collegato le due aree, ma dalle foto della mappa iStella ben si può vedere come questo non sia accaduto.
Un piano bloccato per diverse ragioni: la prima fra tutte è quella di non aver compiuto bene la bonifica dei terreni. Per questo, nel 2010, la Guardia di Finanza ha eseguito il sequestro preventivo dell'area Montecity-Rogoredo perché, stando alle indagini, la falda acquifera sottostante avrebbe potuto essere inquinata. Dopo gli accertamenti, però, la società Metropolitana Milanese garantì la non contaminazione delle acque potabili.
A febbraio 2012 il Comune ha avviato i lavori di bonifica sul parco Trapezio, che è stato inaugurato lo scorso 14 settembre, e dove ora sorge l'asilo. Tuttavia, a quasi dieci anni di distanza dall'inizio dei cantieri, come mostra bene la mappa iStella, i lavori sono stati completati parzialmente.
Il 22 gennaio scorso, Milano Santa Giulia SpA ed Esselunga SpA hanno depositato presso il settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree del Comune di Milano la nuova proposta di Masterplan del progetto Milano Santa Giulia.
Il nuovo progetto prevede la modifica di alcune destinazioni d’uso, che nel contesto di oggi non sono più attuali: è stata sostituita la precedente funzione pubblica del “Centro Congressi” con il “Museo Tecnologico e dell’Innovazione per Bambini”, che occuperà una superficie superiore a 10.000 mq, mentre il grande parco urbano di 330mila mq di verde rimarrà l’elemento di congiunzione tra i quartieri di Rogoredo Bonfadini / Ungheria.
Stando ai documenti, la nuova Milano Santa Giulia sarà un “quartiere aperto”. Il quartiere è stato pensato come nuovo polo innovativo, “puntando sull’integrazione di due dimensioni chiave: la sostenibilità e la smartness” si legge. Per questo il nuovo progetto di Milano Santa Giulia è stato iscritto al protocollo LEED, Neighborhood Development (LEED ND), che misura la qualità della vita. “Il nuovo Masterplan è comunque vincolato all’esito del procedimento di bonifica dell’area nord. Si prevede l’approvazione del progetto entro la fine del corrente anno”.
Al momento, la Promenade di Santa Giulia è stata inserita nel progetto di “Expo in città” e sarà luogo di eventi durante il periodo di Expo 2015.




Per non dimenticare i GROSSI problemi del passato

http://www.milanotoday.it/economia/sequestro-beni-figli-giuseppe-grossi.html

Se il padre morto era un evasore fiscale, "pagano" i figli

I figli di un imprenditore considerato "evasore fiscale sistematico" si sono visti sequestrati 70 milioni di patrimonio dal pm di Milano Alessandra Dolci. Il sequestro riguarda tre società, 136 immobili, 140 terreni, 268 auto d'epoca o di lusso, 160 motociclette, cinque motoscafi e tre barche a vela. Lo riferisce il Corriere. Si tratta del patrimonio dei figli di Giuseppe Grossi, spirato nel 2011 e attivo nel settore delle bonifiche ambientali.
Grossi era accusato - in vita - di avere distratto fondi all'estero per 22 milioni per risparmiare sulle imposte, nell'ambito del processo sul quartiere Santa Giulia di Milano. Ovviamente il procedimento penale si è estinto con la morte dell'imputato. Ora, l'assunto dei pm milanesi è che l'evasione fiscale del padre abbia "alimentato" l'attività imprenditoriale ereditata dai figli.
Annuncio promozionale
L'assunto del pm si basa anche sul fatto che un'operazione del genere appare legittima a meno di cinque anni dal decesso del presunto evasore, nei confronti dei successori a titolo universale. I figli, appunto. 

 

domenica 23 novembre 2014

Terapezietto 2014


Forse non tutti sanno che il trapezietto nel 2014 senza le richieste del CQMSG sarebbe rimasto come lo vedete nella foto del 2010.

In collaborazione con l'amministrazione Comune e Consiglio di Zona 4 il nostro comitato di quartiere è riuscito ad aggiungere :

- cancellata in legno a protezione della vicina strada
- divieto di accesso completo ai cani
- divieto di fumare all'interno dell'intera area
- panchine
- giochi per bimbi comprensivi di castello con scivolo e altalene

La fine lavori tecnica è prevista per Dicembre 2014, l'apertura per la primavera 2015 in attesa della corretta crescita dell'erba.

Siamo tutti invitati a salvaguardare e rispettare questo piccolo spazio conquistato. vi assicuro con tanta tenacia.


martedì 18 novembre 2014

lunedì 17 novembre 2014

Risanamento: utile da 228,1 milioni di euro nei nove mesi

http://finanza.lastampa.it/Notizie/0,663390/Risanamento_utile_da_228_1_milioni_di_euro_nei.aspx

"..L'attività di Risanamento S.p.A. e del Gruppo per il prosieguo dell'anno 2014 oltre a proseguire la valorizzazione delle residue proprietà di immobili "trading", si focalizzerà nello sviluppo della iniziativa immobiliare di Milano Santa Giulia prioritariamente sotto il profilo urbanistico / ambientale al fine di ottenere le necessarie autorizzazioni e procedere alla richiesta di dissequestro dell'area "Nord".
...
MILANO SANTA GIULIA 
Con riferimento allo sviluppo della iniziativa immobiliare Milano Santa Giulia (i cui tempi di realizzazione hanno subito e stanno subendo un differimento temporale, anche a causa del sequestro penale cui è ancora soggetta l'area nella zona nord) la società ha proseguito le attività volte ad una massima valorizzazione della stessa come di seguito indicato:
Macrounità 1 (Zona Sud/Rogoredo) 
Sulla Macro Unità 1 sono proseguite le attività di costruzione per il terzo edificio affittato a SKY Italia che ha visto il completamento della struttura in cemento armato ed il montaggio del 50% dei pannelli vetrati di facciata. Con riferimento alle aree Trapezietto e Alberello sono state ultimate nel mese di luglio le attività di rispristino ambientale e sono state appaltate le attività di arredo urbano e di sistemazione a verde i cui lavori si concluderanno nel mese di dicembre. Infine si fa presente che sono state avanzate ad alcune banche richieste di concessione di linee di finanziamento per la realizzazione dell'edificio ubicato di fronte a Sky che potrebbe ospitare un hotel NH di 203 camere e circa 10.500 mq di uffici e circa 1.500 mq di commerciale.
Macrounità 2 e 3 (Avenue e Residenze "Ellisse") – Zona Nord 
Con riferimento alle Macro Unità 2-3 –Zona nord sono proseguite le attività propedeutiche alla predisposizione della variante al "Masterplan" il cui percorso amministrativo è iniziato con il protocollo della proposta di Variante effettuato il 22 gennaio 2014. La prima riunione tecnica con la presenza di tutti i rappresentanti dei vari settori del comune di Milano si è tenuta il 1 luglio u.s.. I prossimi mesi vedranno un periodo di confronto con l'Amministrazione Comunale e tutti gli Enti preposti al fine di definire gli aspetti quantitativi, di offerta dei servizi pubblici e spazi verdi, le superfici edificabili attraverso la sottoscrizione di un nuovo Accordo di Programma che sancisca tra l'altro il nuovo termine di scadenza della Convenzione Urbanistica (che oggi scadrebbe nel marzo 2015 fatta salva la proroga dettata dal "Legittimo impedimento" connesso al provvedimento di sequestro tuttora in essere e la proroga di tre anni dettata dal decreto "Salva Italia").
Eventi successivi alla chiusura 
Nell'udienza tenutasi in data 27 ottobre 2014 avanti il Tribunale di Milano - concernente il giudizio per gli illeciti amministrativi contestati a Risanamento Spa di cui agli artt. 5, 6, 25ter e 25sexies del D. Lgs. 231/2010 relativi a fatti ascritti a suoi cessati amministratori - il Giudice Dott.sa Roberta Nunnari ha accolto la richiesta di patteggiamento, mediante pagamento di una sanzione pecuniaria di Euro 103.000, presentata dalla Società lo scorso 25 settembre 2014.
Al riguardo Risanamento ricorda che i fatti contestati - commessi nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2009 ed il 19 marzo 2009 - sono relativi alla passata gestione, antecedente l'Accordo di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis L.F., quindi totalmente estranei all'attuale gestione e all'attuale Consiglio di Amministrazione e pertanto a quest'ultimo non addebitabili.

giovedì 13 novembre 2014

Verde a Sud di Rogoredo

http://www.professionearchitetto.it/news/notizie/20264/Uno-spazio-verde-per-bloccare-l-espansione-a-Milano-il-progetto-vincitore-del-Premio-AJAC




Lavori stazione Rogoredo


http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/

Rfi: per Lombardia piano investimenti per 3,8 mld

 "...Ultimo aspetto del piano riguarda Expo 2015. Sono previsti, tra l'altro, l'atterzzaggio di nuovi binari in Stazione Centrale a Milano, Milano Rogoredo e Porta Garibaldi per i treni Av; l'ammodernamento degli impianti di comunicazione a Rho-Fiera, Milano Rogoredo.. "

venerdì 7 novembre 2014

scacco alla banda degli spacciatori arrestati in sei con 7 chili di droga

 http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/11/07/

Milano, scacco alla banda degli spacciatori nel bosco: arrestati in sei con 7 chili di droga

Spaccio di cocaina e hashish, ma anche di eroina. E' di sei arresti (dieci le ordinanze di custodia cautelare concesse dal gip di Milano) il bilancio di un'inchiesta degli uomini del commissariato Mecenate scattata nel 2010. Un'attività "di controllo capillare della zona" che ha consentito di "fermare la linea di comando dello spaccio al dettaglio, nella zona sud compresa tra piazzale Corvetto e viale Giovanni da Cermenate e a ridosso della stazione Rogoredo" - come documentato da Repubblica nel reportage sul bosco dello spaccio - spiegano gli investigatori.

L'indagine parte dopo il tentato omicidio di El Bachir Saimour, il 17 ottobre 2010 in via Volvinio, per il quale era stato arrestato il pregiudicato e concorrente Salah Ababou, 33enne marocchino. Movente: la contesa territoriale della piazza di spaccio. Tra i bar di via Ravenna e piazza Angilberto II il 33enne impartiva direttive ai 'cavallini', le persone che in gergo si occupano di portare la droga ai clienti. Un'attività confermata dal sequestro di bloc notes con cui è stato possibile ricostruire il passaggio della droga e ricostruire il giro di denaro "da migliaia di euro" garantito "dalle centinaia di consumatori italiani" e da una rete "impressionante di connazionali dediti alla stessa attività illecita".

In manette sono finiti anche El Bachir Saimour e Abdelhak Azhar, entrambi quarantenni, considerati capi della zona Corvetto; Adel Hachana, 43 anni, e Zahra Sahir, 54 ("è una rarità trovare una donna nella linea di comando", spiegano gli investigatori milanesi) ritenuti i 'titolari' in zona Barona; Mohamed Ababou, 35 ann, e Abdeljalil Et Tabi quarant'anni, che presidiavano la zona Ripamonti. Tutti pregiudicati e di origine marocchina.

Nel corso dell'indagine coordinata dal pm Maria Teresa Latella si è verificato nel 2011 un altro tentato omicidio
di uno dei protagonisti dell'inchiesta, colpito con colpi di armi da fuoco, sequestrato e poi rilasciato dietro il pagamento di un riscatto di circa 16mila euro come risarcimento per aver sconfinato in un altro territorio di spaccio. Complessivamente dall'inizio dell'indagine sono 25 le persone indagate e 16 gli arresti in flagranza. Gli agenti hanno sequestrato tre chili di eroina, tre di hashish e un chilo di cocaina, oltre a 55mila euro circa e a un'auto usata per nascondere la droga.

giovedì 6 novembre 2014

Presso la ludoteca HipHip Hurra !


Reazioni al rinvio a giudizio on-line e Borsa



Risanamento, Zunino, Mancuso e Bonelli fra rinviati a giudizio, udienza il 16/1 -fonti


http://it.reuters.com/article/italianNews/

MILANO, 6 novembre (Reuters) - Il gup di Milano Roberta Nunnari ha rinviato a giudiziato l'ex-numero uno di Risanamento Luigi Zunino insieme ad altre tre persone per l'ipotesi di reato di aggiotaggio e ostacolo all'autorità di vigilanza, nell'ambito dell'inchiesta sulla società.
Lo riferiscono fonti legali, precisando che la prima udienza è fissata per il prossimo 16 gennaio davanti alla prima sezione penale del tribunale di Milano.
Zunino, già a processo per reati ambientali, è stato rinviato a giudizio con Franco Bonelli, all'epoca dei fatti consulente legale della società, Salvatore Mancuso, considerato amministratore di fatto, e Oliviero Bonati, componente del cda e direttore generale.
Al momento non è stato possibile contattare gli interessati per un commento.
Le accuse sono relative a due comunicati stampa diffusi il 23 febbraio e il 3 marzo 2009, prima dell'accordo di ristrutturazione del debito, che secondo gli inquirenti "contengono informazioni false, non rappresentando fedelmente l'entità del fabbisogno finanziario del gruppo nei successivi 12 mesi".

Nuovi servizi offerti al Crystal Bar




martedì 4 novembre 2014

IDeA Fimit ?

 http://www.casa24.ilsole24ore.com
 
«IDeA Fimit, idee per il Demanio - Insieme a Cdp per housing sociale»

".... Nell'ultimo anno si è molto parlato del progetto per rilanciare Santa Giulia. Pensate di fare ancora sviluppo?
Lo sviluppo è una delle modalità di investimento importanti e fondamentali, non è l'unica e bisogna scegliere bene le operazioni. Oggi ne stiamo guardando tre, di cui due molto importanti. Una si potrebbe concretizzare entro l'anno."

giovedì 30 ottobre 2014

giovedì 23 ottobre 2014

Per il 2015 arrivano a Milano 47 mercati agricoli: l'elenco

http://www.milanotoday.it/cronaca/expo-2015/mercati-agricoli-milano-luoghi.html

Farmer's Market: mercati agricoli a Milano per Expo 2015
Dal centro alla periferia, per vendere prodotti a filiera corta. Si tratta di un progetto che durerà due anni ed è rivolto ai coltivatori, imprenditori agricoli, società e operatori iscritti alle camere di commercio lombarde o delle province immediatamente limitrofe.
Farmer's Market: mercati agricoli a Milano per Expo 2015

I "farmer's market" sono pronti a sbarcare in grande stile a Milano. Prodotti agricoli a filiera corta in tutta Milano, in 47 aree pubbliche individuate dai consigli di zona. Si tratta di un progetto che durerà due anni ed è rivolto ai coltivatori, imprenditori agricoli, società e operatori iscritti alle camere di commercio lombarde o delle province immediatamente limitrofe. Potranno presentare domanda fino al prossimo 14 novembre, per la concessione delle aree pubbliche individuate.
Oltre alla vendita diretta si potranno realizzare attività didattiche, artistiche o culturali. I prodotti in vendita devono essere tutti tracciabili in modo da assicurare che provengano effettivamente dall'area Lombarda o limitrofa. Le aree: alcune sono in pieno centro (come piazza San Nazaro in Brolo o piazza Santa Maria del Suffragio). Altre in periferia, come la piazza del quartiere Ortica (via Amadeo), il parco Chiesa Rossa, piazza A. Garibaldi (Baggio) e via Cassinari (Santa Giulia).



Potrebbe interessarti: http://www.milanotoday.it/cronaca/expo-2015/mercati-agricoli-milano-luoghi.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/MilanoToday

 


domenica 19 ottobre 2014

venerdì 17 ottobre 2014

Aggiornamento lavori Alberello grazie a Luigi D.




Le Bonifiche portano GROSSI guadagni

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/

"... Tra gli arresti eccellenti spunta il nome di Andrea Grossi (nato a Bergamo nel 1982, membro del cda di Green Holding figlio del re delle bonifiche ambientali della Lombardia Giuseppe Grossi - scomparso nel 2011 -arrestato nel 2009 per la vicenda della bonifica dell’area Montecity per realizzarvi il quartiere santa Giulia, a sud di Milano."

E' successo a Latina, naturalmente dopo le esperienze dei primi anni 2000 chi se ne è accorto ?
Gli Enti ? ( Arpa, Comune, Regione, Provincia, guardia di finanza, Polizia, Carabinieri, Guardia forestale, Vigili Urbani, revisori contabili  )...Ndr

"«Il tutto - ha spiegato il questore di Latina Giuseppe De Matteis - è partito da un esposto di un’associazione ambientalista che ha consentito alla Procura di interessare la squadra Mobile. L’esposto riguardava alcuni dubbi sulle operazioni di conferimento in discarica, ma poi si è scoperto un reato molto più consistente: si tratta di peculato commisurabile in svariati milioni. Il giochetto era semplice: per legge chi si occupa dei rifiuti deve destinare delle somme per la bonifica dei luoghi che ricevono un danno ambientale. Tale somma veniva sì accantonata, ma poi fatta sparire attraverso un gioco di scatole cinesi. La somma accertate e sottratta all’uso previsto per legge -dice De Matteis - è di 35 milioni di euro. Questi soldi servivano a ripristinare la vivibilità di un ambiente forse degradato in via permanente: un danno enorme per la salute dei cittadini».  "

Via Selvanesco un anno dopo altre scoperte

Avevo riportato il problema della zona in via Selvanesco ( a pochi Km da MSG ) l'anno scorso

http://rogoredosg.blogspot.it/2013/10/fumi-siamo-solo-noi-subire-milano.html

ad un anno di distanza il Corriere pubblica un altro articolo :

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/

Rifiuti tossici nei tombini Sigilli allo smaltitore abusivo

Inquinamento ambientale e ricettazione. Sono i due nuovi reati contestati al titolare dell’area di via Selvanesco, Flora R., 59 anni. La polizia locale di zona 5, dopo aver provveduto lo scorso 2 ottobre al sequestro penale dell’intera area, circa 5 mila metri quadrati, ieri mattina è tornata sul posto per l’attività ambientale.
Gli agenti hanno trovato un pozzetto, una sorta di tombino cieco, non autorizzato, all’interno del quale erano stati gettati oli esausti, gasolio, liquidi refrigeranti tossici. Il tubo del «troppo pieno», è a 5 centimetri sotto il livello stradale e quando viene riempito o piove abbondantemente, scarica in un campo seminato, la cui proprietà è ora da accertare. Dall’altra parte, dentro la roggia, c’erano anche rifiuti pericolosi che vengono bruciati.  

Quando ad inzio di ottobre furono messi i sigilli, i «ghisa», coordinati da una neo ufficiale, trovarono di tutto: auto smontate rubate, pezzi di telaio di biciclette del circuito Bike-Mi, oli esausti, batterie e rifiuti pericolosi. La ditta titolare dell’area è regolarmente iscritta alla Camera di Commercio, per trattare il ritiro e lo smercio di bancali, non era però iscritta all’albo nazionale dei gestori rifiuti. In pratica gli investigatori gli contestarono la «mancata autorizzazione all’attività». Ieri mattina un’altra pesante realtà. 

Il reato di ricettazione, oltre a quelli di attività abusiva e smaltimento dei rifiuti non autorizzati, è stato «affibbiato» a Flora R., in quanto la sua auto, una Ford Focus, montava un motore di una Station Wagon , rubata il 15 settembre scorso.
Adesso gli investigatori stanno mettendo insieme il puzzle di un degrado continuo che ha origini antiche. Oltre a cercare un cittadino marocchino che fungeva da meccanico, devono muoversi in un labirinto di società, di titolari veri o presunti, per addebitare eventuali responsabilità. «Sarà il lavoro più difficile - spiega la neo ufficiale di Zona 5 - sarà quello di decifrare le mappe, vedere se ci sono altre condutture abusive e dove versano. Il terreno che per diverso tempo ha assorbito idrocarburi potrebbe aver rilasciato sostanze nocive nella falda acquifera».
Quella di via Selvanesco è però storia vecchia. Lo scorso anno, sempre la polizia locale aveva controllato due campi nomadi e tre discariche abusive. Due di una lunga serie di interventi (32 nel 2012), tutti di natura ambientali che aveva rimesso in allarme l’amministrazione. «Una situazione complessa - era stata la risposta dell’assessore alla sicurezza, Marco Granelli - che si trascina da più di 14 anni».
Quattordici anni nei quali il fuoco dei rifiuti e dei copertoni confonde spesso ogni cosa. Sui quei terreni lungo via Selvanesco, la strada che taglia il Parco Sud, collegando via dei Missaglia a via Ripamonti, da inizio anni Ottanta si brucia davvero di tutto: rottami di camion, vetri rotti, lastre di amianto. Per non parlare delle tonnellate di carta, di plastica, di lana di roccia. E legno, ferro, materassi, poltroni. Ma soprattutto fluff, la miscela eterogenea di rifiuti che deriva dalla demolizione delle auto.  

 

giovedì 16 ottobre 2014

Aggiornamento lavori Trapezietto

Ulteriori info su Facebook gruppo "Santa Giulia è"

mercoledì 15 ottobre 2014

Dritte per risparmiare in treno

http://www.vitadaturista.it/idee-di-viaggio

Erano gli anni 2000, quando prendere un treno Palermo - Milano, o Roma - Venezia, significava prendere una decisione filosofica: accendere o non accendere un mutuo? Prendere o non prendere tre giorni d ferie dal lavoro (per inciso, negli anni zero del nuovo millennio la crisi non c’era ancora, eravamo tutti indeterminati e contenti). Insomma nel dubbio tra velocità costosa (i famosi “pendolini”) e lentezza bradipica (intercity e parenti di primo grado), c’era davvero poca scelta.
Quattordici anni dopo la situazione fortunatamente è cambiata: Palermo si può raggiungere anche in aereo! Scherzi a parte, la concorrenza si sa, ha messo un po’ di fibrillazione al tariffario del trasporto sulle due rotaie, e i consumatori ringraziano. Ma se siete degli irriducibili del risparmio, allora non potete non seguire queste semplici e cristalline norme:
1. Prenotare, se possibile, due settimane prima della partenza
2. Gli orari di mezzo sono quelli in cui si risparmia di più (certo, se avete necessità di partire da Milano per essere a Roma alle nove di mattina, bhè, ci dispiace per voi)
3. Prenotare nei giorni infrasettimanali.
Ma non finisce qui. Se siete amanti della lentezza, dei paesaggi dal finestrino e odiate l’alta velocità ma vi divertite a fare i salti tra i regionali allora una soluzione c’è: scegliete stazioni di piccoli paesi per i vostri approdi (anche se i siti sembrano rimandare sempre ai soliti treni veloci) e, se si tratta di città, anche se il server sembra suggerirvi che non c’è altra soluzione ai 150 chilometri orari non demordete: selezionate le stazioni più periferiche (per esempio) Milano Rogoredo o Firenze Campo di Marte), poi ci penserete a fare il biglietto di (forse un euro?) per quella principale.