sabato 15 agosto 2015

Esselunga e l'Area Nord : l'attesa

Clima di vacanze anche per Milano Santa Giulia, tra le tante notizie a Milano in questo Agosto 2015 spunta anche una bufala su Esselunga.

Società a cui siamo legati soprattutto per l'area commerciale nella parte Nord ancora di loro interesse come dimostrano gli ultimi masterplan della Nuova Milano Santa Giulia a cui hanno voluto associare il loro nome dal gennaio  2014 ( http://www.trend-online.com/ansa/fta147109/ )

Tornando alla notizia fasulla eccola riportata e spiegata con la solita mitica ironia nel "Blog del Milanese Imbruttito" :

"
http://ilmilaneseimbruttito.com/2015/07/24/ma-vi-pare-che-esselunga-possa-chiudere-di-domenica/

Ma vi pare che Esselunga possa chiudere di domenica?!

Apri Facebook e, di colpo, ti ritrovi la foto di un volantino con il simbolo dell’Esselunga ed un testo che spiega che la catena di supermercati: “rimarrà chiusa tutte le domeniche e le festività per migliorare la qualità della vita dei propri dipendenti. Invitiamo la gentile clientela ad approfittare della domenica per riscoprire i valori della famiglia. Certi di vedervi ancora il lunedì auguriamo buona domenica a tutti”.

 

È in questo momento, proprio mentre il dipendente dell’Esselunga sorridendo sta per sbocciare, che il M.I. sente il collasso vicinissmo. Cosa c***o sta succedendo?! Sul web intanto fioccano commenti e dilaga il panico.
D’altra parte Milano è così in evoluzione e fermento che la vita del M.I. si basa oggi, nel 2015, su poche, pochissime certezze: aMilano il panzerotto quello davvero buono è solo da Luini (ma che sbatti la coda), gli affitti di stanze e case costano una follia, l’iPhone è sempre l’iPhone, ed all’Esselunga – per prendere le famose “duecosealvolo” – ci può andare sempre, 7 su 7.
E allora? Keep calm and questa è una bufala.
In effetti, a pensarci bene, non poteva molto convincere la cosa, per tre ben diverse ragioni:
  • Si è vero c’è il logo, ma leggendo nel testo non c’è scritto Esselunga ma ESSULUNGA. Insomma, N.C.S.
  • Matipare che il marketing di Esselunga, che decisamente sa il fatto suo, faccia uscire una comunicazione così importante con un volantino con un font inguardabile, senza immagini e un copy alquanto rivedibile?
  • Novabbè, si legge: “Invitiamo la gentile clientela ad approfittare della domenica per riscoprire i valori della famiglia”. Ora, con tutta la stima per lui, ma che il boss Bernardo Caprotti, di MilanoMilano, 90 primavere ed ancora in carica a dirigere Esselunga, dopo che negli ultimi anni è stato portato in tribunale dai figli per i casini fatti nella successione alla guida dell’azienda – senza dimenticare che lui stesso ha querelato un figlio per diffamazione, dopo che questo lo ha sputtanato in una intervista – decida di di colpo di chiudere i suoi oltre 150 negozi nel segno dei valori della famiglia è meno credibile di Felice Abatantuono che nei “Fichissimi” che si dichiara milanese al 100%."