mercoledì 2 aprile 2014

Risanamento: scaduta l’offerta vincolante di IDeA Fimit Sgr. Le parti si ritengono libere

(Il Ghirlandaio) Milano, 1 apr. L'offerta vincolante di IDeA Fimit Sgr per l'area di Milano Santa Giulia di proprietà di Risanamento è decaduta, dal momento che non si sono avverate le condizioni sospensive nei termini previsti. È quanto si legge in una nota della società immobiliare.
“Con riferimento all’offerta vincolante pervenuta da IDeA Fimit SGR S.p.A. il 30 luglio 2013 (accettata in data 2 agosto 2013) e contenente le linee guida dell’operazione di apporto del complesso immobiliare di Milano Santa Giulia a un fondo immobiliare gestito dalla stessa IDeA Fimit – si legge nel comunicato della società che fu di Luigi Zunino –, Risanamento S.p.A. comunica che non si sono avverate, entro il  termine del 31 marzo 2014, tutte le condizioni sospensive contrattualmente previste”.
“Tra le condizioni non avveratesi – prosegue la nota – si segnalano, in particolare, la finalizzazione degli accordi relativi all’apporto degli immobili al fondo immobiliare e l’ottenimento da parte di IDeA Fimit, per conto del fondo, delle necessarie risorse finanziarie e del sostegno del ceto bancario all’operazione. Si precisa, infatti, che alla data del 31 marzo 2014 non sono state raggiunte intese su alcuni punti degli accordi relativi all’Apporto e le potenziali banche finanziatrici non hanno espresso a IDeA Fimit indicazioni formali circa la loro disponibilità a mettere a disposizione i finanziamenti necessari al buon esito dell’operazione”.
“Le parti – conclude il comunicato – si ritengono dunque libere da qualsiasi obbligo in relazione alla citata offerta vincolante e all’operazione ivi contemplata. Risanamento segnala, altresì, che la Conferenza dei Servizi del 27 marzo 2014 concernente  il progetto di bonifica del comparto Nord dell’area Milano Santa Giulia – che si è svolta in un clima di costruttivo confronto – ha esaminato la proposta di Analisi di Rischio presentata da Milano Santa Giulia e ha richiesto di integrare, entro 90 giorni, la proposta stessa con una serie di prescrizioni che la Società e le sue controllate stanno esaminando con la disponibilità e lo spirito collaborativo che caratterizzano i rapporti con .l’Amministrazione Comunale e gli altri Enti presenti alla Conferenza dei Servizi e che hanno già consentito di ottenere il dissequestro parziale dell’area (comparto Sud)”.