lunedì 10 febbraio 2014

Risanamento : Si rimetterà in "Sesto" ?

http://finanza.lastampa.it/Notizie/0,590430/Risanamento_notificato_ricorso_per_sequestro.aspx

Risanamento: notificato ricorso per sequestro conservativo di beni fino a 228 milioni di euro
A seguito delle notizie apparse sulla stampa, Risanamento Spa comunica che in data 6 febbraio 2014 è stato notificato un ricorso per sequestro conservativo da parte di Milanosesto Spa (già Sesto immobiliare) con il quale viene chiesto al Tribunale di Milano di autorizzare il sequestro conservativo di beni immobili e mobili, nonché dei crediti nella titolarità di Immobiliare Cascina Rubina Srl e Risanamento Spa fino ad un importo di 228 milioni di euro, in relazione al quale è stato fissato termine per la costituzione di Risanamento Spa e Immobiliare Cascina Rubina Srl entro il 13 febbraio 2014 ed è stata fissata udienza il 17 febbraio 2014. 
A tale riguardo, Risanamento precisa quanto segue: 
1. la controversia nella quale si inserisce il ricorso per sequestro conservativo si riferisce alla compravendita dell'area denominata "ex-Falck" perfezionata nell'ottobre 2010 ed essa è pendente da oltre un anno nell'ambito di un procedimento arbitrale promosso da ICR e Risanamento nell'ottobre 2012 e nel quale il collegio arbitrale, costituitosi nell'ottobre 2013, non si è ancora pronunciato; 
2. nel procedimento arbitrale, Immobiliare Cascina Rubina e Risanamento hanno chiesto la condanna di Milanosesto al pagamento di somme a vario titolo nell'ordine di Euro 60.000.000,00 oltre IVA oltre all'accertamento negativo di obblighi nei confronti di Milanosesto con riferimento ai costi di bonifica dell'Area; 
3. il ricorso interviene immediatamente a ridosso della comunicazione effettuata in data 24 gennaio 2014 con la quale Risanamento ha comunicato di aver accettato la proposta pervenuta da Chesfield - Olayan Group avente ad oggetto l'acquisizione dell'intero portafoglio parigino al prezzo di Euro 1.225.000.000,00 al netto delle tasse di trasferimento; 
4. Risanamento ritiene, sentito anche il parere dei propri legali, che il ricorso sia destituito di fondamento. Risanamento e Immobiliare Cascina Rubina si riservano ogni iniziativa per la tutela dei propri interessi.

http://finanza-mercati.ilsole24ore.com/azioni/

Risanamento: Bizzi chiede sequestro per2 40mln, a rischio cessione Parigi

Lunedi' cda straordinario del gruppo immobiliare (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 8 feb - La Sesto Immobiliare, la societa' capitanata da Davide Bizzi che ha rilevato le ex aree Falck di Sesto San Giovanni da Risanamento, ha deciso di presentare istanza presso il Tribunale fallimentare di Milano per chiedere il sequestro preventivo di beni di Risanamento per 240 milioni di euro. La decisione, secondo quanto risulta a Radiocor, e' legata alla contesa sui costi di bonifica che vede opposti i due gruppi con l'acquirente Sesto Immobiliare che contesta al venditore Risanamento il fatto che la spesa sia salita dai 160 milioni previsti al momento della compravendita fino a 400 milioni.
La questione era gia' finita davanti alla Camera arbitrale di Milano la scorsa estate, ma poi sembrava che le parti si fossero riavvicinate e un accordo pareva immininente. Negli ultimi giorni, pero', la frattura e' tornata ad allargarsi. A pesare e' stata anche la decisione di Risanamento di deliberare la cessione del portafoglio di immobili di Parigi a Chelsfield per 1,225 miliardi che rappresenta il vero tesoro del gruppo Risanamento e la garanzia su cui poggiare per eventuali contenziosi. Adesso, con la richiesta di sequestro da parte di Sesto Immobliare, la vendita degli asset francesi torna in forse e, proprio per questa ragione, e' stato convocato per lunedi' un cda di Risanamento per valutare la situazione. Il passaggio successivo sara' l'udienza, gia' fissata per il 17 febbraio, presso il Tribunale fallimentare di Milano che vigila sulla ristrutturazione di Risanamento come previsto dall'articolo 182 bis della legge fallimentare.