venerdì 10 gennaio 2014

Risanamento: dopo l’offerta di Zunino, il fondo inglese Chelsfield butta sul piatto 1,2 miliardi

http://www.ilghirlandaio.com/top-news/95740/risanamento-dopo-l-offerta-di-zunino-il-fondo-inglese-chelsfield-butta-sul-piatto-1-2-miliardi/

(Il Ghirlandaio) Roma, 10 gen. Seconda puntata delle trattative per la vendita dei nove immobili che la società immobiliare Risanamento SpA possiede a Parigi e che deve dismettere per pagare i suoi debiti. Il colpo di teatro risale probabilmente a ieri mattina quando al consiglio d’amministrazione guidato da Claudio Calabi è arrivata un’offerta vincolante da parte del fondo inglese Chelsfield, controllato da Olayan, Qatar, Bank of East Asia. Una vera e propria contro-offerta da 1,2 miliardi rispetto alla proposta che l’ex patron e fondatore della società, Luigi Zunino, aveva inviato alle banche che controllanoRisanamento. La palla ora va alle banche proprietarie: Intesa Sanpaolo, Unicredit, Banco Popolare, Mps, Bpm.
I dettagli
Il 13 dicembre scorso Zunino aveva avanzato al cda un’offerta di delisting con conseguente Opa su  Risanamento, strutturata in più fasi, con la consulenza di Rothschild e dell’avvocato Guido Rossi. Inizialmente l’offerta viene lanciata dalla società Oui Spa con il supporto del fondo sovrano del Qatar e la copertura finanziaria del Banco Popolare. Oui dovrebbe accordarsi con le banche proprietarie per l’acquisto delle azioni di Risanamento al prezzo di 0,19 euro per azione. Secondo il progetto dovrebbe quindi essere lanciata un'Opa obbligatoria da parte di Oui sulle azioni detenute dal mercato al prezzo di 0,25 euro per azione, per un valore complessivo di 30 milioni di euro. Una volta avvenuto il delisting dell'azienda, dovrebbe entrare in scena Qatar Holding per valorizzare gli immobili. Farebbe parte del piano un contributo di 60 milioni di euro per ripianare il debito con le banche.
I piani di un rientro di Zunino nella scena immobiliare da protagonista sono dunque ostacolati dall’offerta di Chelsfield che sui 1,2 miliardi sarebbe pronto ad anticipare una caparra di 30 milioni, garantita da Ing. Prossimo appuntamento: venerdì 17 giorno, quando il cda esprimerà le proprie posizioni.
La saga continua.